venerdì 23 luglio 2010

Venerdì del libro: Filastrocca "Coccinella"


Adoriamo le filastrocche. Ci piace leggerle, recitarle, scriverle e mimarle. E' quasi una tradizione di famiglia.
Gli ultimi lavori di Homemademamma e PF  mi han fatto venire in mente una filastrocca della nonna.
Ve la riporto... E' un po' lunga, magari per il futuro faccio dei pdf ;o)!

COCCINELLA
Dicono tutti che, anticamente,
al mondo c’era proprio... un bel niente.
Poi ecco i monti, i mari ed i fiori,
ma eran tutti senza colori.
Così, un bel giorno, Fata Natura
prese i colori e, senza premura,
scelse del blu e, senza pensare,
riempì il cielo, gli oceani e il mare.
Poi prese il verde e dipinse, a più strati,
tutte le foglie e l’erba dei prati.
La Coccinella, volando pianino,
a Fata Natura andò vicino,
si fermò poi sul suo bel vestito
e, dopo un poco, le andò su un dito:
“Fata Natura, ti posso aiutare?
Io i pennelli ti posso lavare.”
Ci pensò su, la Fatina bella,
e poi rispose alla Coccinella:

"Tanto lavoro io ho da fare,
alberi e fiori da colorare,
poi gli animali, che sono migliaia,
e poi la terra, la sabbia, la ghiaia
ed agli uccelli le mille piume,
a tutti i pesci le loro squame:
ho un miliardo di cose fare.
Perché ho deciso di colorare?
Ma, se mi aiuti, farò in un momento:
il lavoro, in due, è divertimento!”
Fata Natura dipinge cantando
e Coccinella l’aiuta lavando.
Passano i giorni e il mondo è a colori:
dà allegria guardare i fiori,
il rosa dell’alba, il blu della sera...
Sol Coccinella è ancor tutta nera.
Fata Natura nota l’errore,
ma... non c’è più neppure un colore!
E’ dispiaciuta, la buona Fata:
niente colore per chi l’ha aiutata,
ma Coccinella non si lamenta:
è stata d’aiuto, ed è contenta.
Una sera Tancredi (è un tramonto stupendo)
il mondo di rosso va dipingendo;
vede Natura col naso arrossato,
allor le chiede cos’è capitato.
Natura racconta di Coccinella,
che lei vorrebbe davvero bella;
per sette giorni è stata aiutata
e lei... se l’è proprio dimenticata!

"Su, basta piangere. Il rimedio c’è:
prendi del rosso un po’ qui, da me.
Sulle sue ali lo vai a posare
e, se davvero vuoi ricordare
questo suo aiuto di sette giorni,
lasciale neri tutti i contorni,
poi sulle ali fai sette puntini:
daran fortuna a grandi e piccini! "
Così Coccinella, grazie  a Tancredi,
indossa i colori che anche tu vedi.


©Nonna Al 
N.B: I testi di questo blog sono sotto licenza CC, ma i testi di Nonna Al sono coperti da copyright!

Coccinella


4 commenti:

  1. Devi fare assolutamente un pdf: questa filastrocca è bellissima :-)
    Meravigliosa!
    Aspetto il pdf per darlo a pF . Va che ci conto!
    Bacioni

    RispondiElimina
  2. Questa filastrocca è bellissima e dolcissima!!!!! Scusa mi ero dimenticata di inserirti tra le partecipanti all'iniziativa! Ora ti ho aggiunta!
    Sono felice che ti sia piaciuto il pezzo tratto dal libro, ma.. tutto bene?
    un abbraccio!
    Roby

    RispondiElimina
  3. davvero splendida.. aggiungo ai desiderata :D Grazie di esserci venuta a trovare, ti linkiamo subito!! :)

    RispondiElimina
  4. @Paola: l'unico modo che ho trovato per inserire i pdf su Blogger è Scirbd...Spero funzioni! mi fai sapere come va?
    @Roby:Erano giorni un po' così e il tuo pezzo mi ha rasserenato, anzi, mi ha portato anche fortuna ed una preoccupazione si è risolta :D!
    @MammaC: grazie :o)

    RispondiElimina

Lascia una goccia della tua rugiada